Studio Immobiliare - Logo

STUDIO IMMOBILIARE sas

di Marco Riderelli & C.

Piazza del comune, 12 60027 Osimo (AN) Tel. 071-7231032 E-mail: info@studioimmobiliare.it
logo nar logo cei logo fiaip
Slogan dello studio immobiliare

NUOVE MISURE ANTI EVASIONE: Sugli assegni trasferibili arriva il bollo da 1,5 euro.

NUOVE MISURE ANTI EVASIONE: Sugli assegni trasferibili arriva il bollo da 1,5 euro.

Tutto pronto per l'imposta di bollo che dovrà essere applicata dal 30 aprile 2008 sulle richieste in forma libera di assegni bancari, postali, circolari e di vaglia postali o cambiari. Un costo maggiore a carico del richiedente di 1,50 euro, per evitare la «clausola di non trasferibilità». Dal 30 aprile, infatti, solo su richiesta scritta del richiedente si potranno ottenere assegni bancari, postali, circolari e vaglia postali o cambiari liberamente trasferibili per importi inferiori a 5mila euro. In quest'ultimo caso, ciascuna girata dovrà recare, a pena di nullità, il codice fiscale del girante. Se gli assegni bancari e postali verranno utilizzati per importi pari o superiori a 5mila euro, inoltre, dovrà essere indicato il nome o la ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità.
Nella circolare 18/E del 7 marzo 2008, l'agenzia delle Entrate ha chiarito che l'imposta di bollo prevista dalla nuova normativa antiriciclaggio (articolo 49, comma 10 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231) si aggiunge a tutte le altre disposizioni riguardanti l'applicazione dei bolli sui mezzi di pagamento e sui documenti bancari.
Continuerà a essere applicata l'imposta sugli estratti conto, comprese le comunicazioni relative ai depositi di titoli, inviati dalle banche ai clienti.
Per gli assegni bancari o postali in forma libera, le banche e le Poste italiane, già titolari dell'autorizzazione a pagare l'imposta in modo virtuale (articolo 15 del Dpr 642/72), potranno avvalersi di questa autorizzazione e delle stesse procedure per il versamento della nuova imposta di bollo.
Il primo versamento va effettuato il 30 giugno 2008 e successivamente la scadenza è ogni due mesi.
Entro gennaio 2009 va presentata una dichiarazione definitiva contenente la «indicazione del numero degli atti e documenti emessi nell'anno precedente distinti per voce di tariffa».
Nella circolare di ieri è stata segnalata la necessità di riportare nella dichiarazione un'ulteriore voce, relativa al numero di assegni in forma libera emessi nel corso dell'anno precedente con l'indicazione della corrispondente imposta di bollo dovuta.
Per gli assegni circolari rilasciati in forma libera l'imposta di bollo di 1,50 euro va ad aggiungersi a quella del «6 per mille per ogni anno», che deve essere liquidata trimestralmente (articolo 10, comma 1, nota 2 della Tariffa allegata al Dpr 642/72). Saranno queste anche le modalità di pagamento della nuova imposta di bollo di 1,50 euro per ogni assegno circolare.
Per i vaglia cambiari rilasciati in forma libera continuerà a essere dovuta l'imposta di bollo del 4 per mille corrisposta «in base alla media delle situazioni decadali dei vaglia cambiari e delle fedi di credito di ciascun mese del trimestre solare cui si riferisce l'applicazione dell'imposta», (articolo 10, comma 2 della Tariffa allegata al Dpr 642/72). Il versamento trimestrale va fatto entro il secondo mese successivo a quello di ciascun trimestre solare: febbraio, maggio, agosto e novembre. Il versamento dell'imposta di bollo di 1,50 euro seguirà le stesse modalità di pagamento previste per l'imposta del 4 per mille.
Per i vaglia postali liberi, l'esenzione prevista dall'allegato B del Dpr 642/72 non si applica, per cui è dovuta l'imposta di bollo di 1,50 euro per ciascuno di essi. Il versamento va effettuato con le stesse modalità previste per gli assegni postali.
Se rilasciati in forma libera, gli assegni bancari e postali, gli assegni circolari, i vaglia cambiari e postali devono riportare in modo leggibile la seguente dicitura «Imposta di bollo di cui al Dlgs 231/2007 assolta in modo virtuale» (articolo 15, comma 2 del Dpr 642/72). Gli assegni bancari e postali devono riportare anche la data e il numero dell'autorizzazione per il pagamento virtuale.

di LUCA DE STEFANI

FONTE: IL SOLE 24 ORE
08/03/2008

Studio immobiliare sas di Riderelli Marco & C. P.Iva 02091490421
Tel. 071-7231032 071-7231033 Fax 071-7231034 E-mail: info@studioimmobiliare.it

Valid XHTML 1.0 Transitional